Le nostre storie in una storia più grande – 5

Sono gli studenti di 3° C, oggi, a raccontarci come sono andati gli scorsi mesi e quali sono le loro speranze per il futuro.

A causa dell’emergenza di COVID 19 siamo stati rinchiusi a casa per circa 2 mesi. Di sicuro ci siamo annoiati e pensiamo sempre a cosa fare quando saremo liberi. Certo, io ho pensato a tante cose: la prima è di incontrare gli amici e parlare delle esperienze a casa e dei commenti sulle lezioni online; anche giocare insieme è molto importante , perché nel periodo in cui siamo rinchiusi possiamo giocare insieme solo nei videogiochi; comunque è anche molto divertente e felice ma sarà più comodo che stiamo insieme a eseguire delle attività a gruppi.
La seconda cosa quale sarà? Io sceglierei di andare a fuori ad avere un pasto buono e completo, perché nel periodo di emergenza non possiamo essere fuori per tanto tempo, quindi i pasti di tutti i giorni sono sempre molto semplici, cosa che a me non fa tanto piacere , eppure fra una decina di giorni è il mio compleanno! Il 13 maggio! Che bello! Allora se al mio compleanno non posso fare un party con i miei amici, visto che è anche pericoloso unirsi a tante persone in questo periodo, scelgo di riempire lo stomaco con prelibatezze, uhmmmm, anche questo è una meraviglia! Comunque, anche se al prossimo lunedì possiamo uscire, dobbiamo ancora prendere precauzioni, perchè l’epidemia non è finita, quindi usciamo con le mascherine e mettiamo i guanti , non andiamo nei posti dove c’è tanta gente, non aggiungiamo problemi allo stato, facciamo tutti quello che possiamo fare e auguriamoci che finisca presto l’emergenza del corona virus. Forza Italia!

Andrea Zhou


Photo by Jess Bailey from Pexels

Appena sarò libera uscirò dalla casa e non tornerò più (ovviamente scherzo). Sona stata sempre una persona che stava a casa, chiusa e non davo importanza alle altre cose. Avevo imparato a stare chiusa con i libri, il telefono e la TV. Non uscivo molto, solo quando andavo a scuola o la domenica al parco. In questa quarantena mi sono resa conto che cosa stavo perdendo. Mi sono annoiata molto a stare chiusa. Ora che possiamo un pochino uscire, vorrei camminare per ore,vedere i miei amici, mangiare gelato e giocare di più al parco. Se fosse possibile vorrei davvero non tornare più a casa. E così bello ad essere liberi. Viaggiare per tutto il mondo e a vedere belleze rare. Abbiamo una natura così bella e speciale che la dobbiamo godere. Non dobbiamo stare chiusi come ho fatto io e la quarantena mi ha insegnato a godermi la vita fuori. Fuori sei libero come un uccello. La cosa più bella della vita è la LIBERTA’. E’ una cosa molto preziosa e dobbiamo proteggerla.

Arsilda Bushi


Photo by Jackson David from Pexels


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *