Willy Wonka si fa in due

Una cosa che possiamo fare, in questi giorni, è guardare un bel film. A darci un consiglio ci pensano i ragazzi del laboratorio di italiano.


“La fabbrica di cioccolato” del 2005, regia di Tim Burton.

Per il cineforum del laboratorio di italiano abbiamo visto il film La fabbrica di cioccolato. Di questo film esistono due versioni, uno è stato fatto nel 1971 e si chiama Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato, un altro è stato fatto nel 2005 e si chiama La fabbrica di cioccolato. Noi li abbiamo visti tutti e due.
La storia è la stessa: Willy Wonka da tanti anni non fa entrare nessuno nella sua fabbrica ma un giorno nasconde 5 biglietti dorati nelle sue tavolette di cioccolato e le manda in tutto il mondo, i bambini che troveranno i biglietti potranno visitare la fabbrica. Uno dei bambini che trova il biglietto dorato è Charlie, un bambino povero ma molto buono e onesto che va alla fabbrica insieme a nonno Joe. Tutti gli altri bambini sono cattivi e si comportano male durante la visita, alla fine resta solo Charlie e Willy Wonka gli regala la sua fabbrica.
Anche se la storia è uguale ci sono alcune differenze tra i due film. Innanzitutto i due protagonisti. Il Willy Wonka del film del 1971 è il nostro personaggio preferito: è un personaggio solare, divertente, allegro ed è messa in risalto la sua abilità di inventore, invece nel film del 2005 non ci è sembrato molto convincente, è poco socievole e ossessionato dal ricordo della sua infanzia infelice a causa del cattivo rapporto col padre. Charlie invece, lo abbiamo preferito nel film del 2005 dove appare molto più intelligente che nell’altro film.
A parte i personaggi, ci sono  anche alcune differenze nella trama, a cominciare dal fatto che nel film più recente manca la scena che ci ha fatto più ridere in assoluto: quella dove Charlie e nonno Joe bevono la bevanda che li fa volare e per poter scendere devono fare tanti rutti. Nel film del 1971 la cosa più importante è l’onestà dei bambini: a tutti viene proposto di rubare le ricette segrete di Willy Wonka e solo Charlie resta onesto e restituisce il succhia-succhia che mai si consuma; invece nell’altro film la cosa più importante è la famiglia: quando Charlie vuole portare la sua famiglia nella fabbrica di cioccolato, all’inizio Willy Wonka non vuole ma poi dopo che Charlie lo aiuta a fare pace con il padre, cambia idea. In generale, quello che ci è piaciuto di più è il film del 1971 perché molto più divertente e allegro, pieno di colori e canzoni, la più bella di tutte è quella di nonno Joe, e quelle degli Oompa Loompa che sono molto più simpatici e poi la fabbrica è molto più fantasiosa e piena di dolci.

Il fil del 1971, diretto da Mel Stuart.

Noi ci siamo fatti ispirare da questa storia, abbiamo immaginato di essere Willy Wonka e abbiamo inventato dei dolci speciali:

Angelo, nella sua piccolissima fabbrica produrrebbe solo delle palle da basket di cioccolato

Ming Jie inventerebbe il cioccolato verde che può trasformarsi in cappello

Nella fabbrica di Andrea che è fatta di cioccolato e caramello ci sono dei cani di cioccolato

Massimo inventerebbe il gelato di zucchero filato e marshmallow

Mei inventerebbe il cioccolato che quando lo mangi ti fa diventare più intelligente.

Xiaoxin inventerebbe la cioccolata di frutta.

Il libro di Roald Dahl a cui sono ispirati i due film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *